Ringrazio a ttia Signuri ch’i m’hai rigalatu chista vita. Notte chiara di Domenico Modugno

Ne La Piccola storia d’Inghilterra, Gilbert Keith Chesterton scriveva: “Io sosterrò sempre che il ringraziamento è la più alta forma di pensiero, e che la gratitudine non è altro che una felicità raddoppiata dalla sorpresa”. Il ringraziamento è il riconoscimento di un fatto, che io ci sono, che le cose sono, che il mondo è. La gratitudine è capire che tutto questo poteva non esserci, è lo stupore di fronte ad un dono inatteso, immeritato. Questo canta Domenico Modugno in Notte Chiara, canzone del 1962, vera e propria preghiera di ringraziamento: è un dono l’acqua quando “spacca la sulagna”, la legna da ardere quando scende la neve, il vento lieve che mi arriva addosso con il profumo del mare, è un dono la vita con le sue gioie e con i suoi dolori. Per tutto questo “Ringrazio a ttia Signuri”.

Notte Chiara (1962)

Che notti chiara chiara
Ch’adduri ‘e tramuntana
E nu grillu canta canta
Ahi iai iai iai

Ringraziu a ttia Signuri
Picchi’ mi lassi viviri accussi’

Tu ca mi fai sazziari
D’acqua frisca
Quannu spacca la sulagna,
Tu ca mi fai truvari
Ligna sicca
Quannu ‘mbianchi la muntagna

Ringraziu a ttia Signuri
Picchi mi lassi viviri accussi’

Che ventu ‘I sita fina
Salatu da lu mari
Che è luntanu, ma lu sentu
Ahi iai iai iai

Ringraziu a ttia Signuri
Picchi’ mi lassi viviri accussi’

Tu ca li picurelli
Dai pastura
E li tunni a la tunnara
Tu che fai da cumpagno ai carretteri
Intra alla notte scura scura

Ringraziu a ttia Signuri
Picchi’ mi lassi viviri accussi’

Tu chi m’hai rigalatu chista vita
Cu la gioia e li duluri
Ringraziu a ttia Signuri
E fammi sempri viviri accussi’
E fammi sempri viviri accussi’

Precedente La la land, la terra promessa Successivo Aspettando Godot di Samuel Beckett, ovvero il capolinea della civiltà occidentale